Rosso come il cielo – Capolavoro Italiano

Mirco Mencacci ha 10 anni e un amore per il Cinema grande così, quando, inaspettatamente, incontra il suo Destino.

Il fucile del padre è lassù in alto, Mirco è incuriosito. E’ facile cadere da una sedia a quell’età ma un conto è rompere il vasetto della marmellata, un altro venir colpiti in viso dai pallettoni esplosi dal fucile caduto.

Mirco Mencacci ha 10 anni. E non vedrà mai più.

Mirco Mencacci non è un nome di fantasia, ma quello di uno dei migliori montatori del suono nel Cinema italiano. Questo film è la sua meravigliosa storia.

Rosso come il cielo

La sfortuna di Rosso come il cielo è l’esser stato girato nel 2005 anzichè nel 1946, altrimenti parleremmo di un nuovo Sciuscià.

E Cristiano Bortone non è (ancora) diventato Giuseppe Tornatore, altrimenti parleremmo di un altro Nuovo Cinema Paradiso. Perché questo è un piccolo capolavoro, inutile girarci intorno.

E se la scuola italiana credesse soltanto un filino di più al Cinema, questa sarebbe una delle visioni obbligatorie, imprescindibili.

Perché Rosso come il cielo è un film che insegna molto di più di un “ermo colle” imparato freddamente a memoria.

Insegna che l’handicap, a volte, non è una mancanza, una privazione, ma un valore aggiunto, un dono.

Mirco quasi se ne frega della vista perchè conosce la bellezza dei suoni e, in questo senso, il non vederci più diventa soltanto un ulteriore stimolo a scoprirne la magia.

Il primo “montaggio” che crea, oltre a dimostrare empiricamente quello che è un talento immenso, è anche la prova che l’handicap può esser superato, quasi sublimato nell’arte.

Perché l’arte, la creatività (e questo è il secondo insegnamento del film) sono istinti che non possono – non devono – essere ingabbiati, trattenuti.

La scuola per ciechi dove Mirco, suo malgrado, è costretto a stare (per una legge dell’epoca i ciechi non potevano studiare in scuole normali) rappresenta quel mostro burocratico ed istituzionale che, in nome delle regole, della forma e della tradizione, vieta a qualsiasi ragazzo di esprimere al meglio le proprie inclinazioni, i propri talenti, o semplicemente impedisce il naturale desiderio di vivere una vita normale.

In questo senso la recita “istituzionale”, poi modificata in quella del meraviglioso finale, non poteva essere scelta più bella ed originale per trattare questa tematica.

Ma Rosso come il cielo ci parla anche dell’amicizia e di come questa possa portare a risultati straordinari, individuali quanto collettivi.

Quando i ragazzini dell’istituto (un gruppo incredibile di giovani attori, quasi tutti veri ciechi) riescono, grazie a Mirko, ad innamorarsi del Cinema e della magia dei suoni, scopriranno quella felicità che per anni era stata repressa dai rigidi protocolli della scuola.

Rosso come il cielo

Perché fare le cose insieme, collaborare, creare, divertirsi e giocare, porta nei bambini a risultati che noi adulti non abbiamo la benchè minima possibilità di ottenere. L’unica cosa che dobbiamo fare è permettergli tutto questo, aiutarli.

E in questo senso spicca nel film la figura dello straordinario insegnante, uno di quegli adulti notevoli che ogni bambino dovrebbe aver la fortuna di incontrare nel proprio cammino di vita (in questo senso il film mi ha ricordato anche lo splendido Les Choristes).

E, sottotraccia, il film è anche un grande omaggio al Cinema nel suo senso primario, quello della lanterna magica, quello delle emozioni, quello dei rumori, quello che sa ancora sorprendere e far sognare, quello che, ahimè, soltanto un bambino può “vivere”.

Un film che non cerca mai la lacrima facile o il pietismo ma che, al contrario, attraverso la speranza, la gioia di vivere, l’ottimismo, il lieto fine, ci porta più volte anche a divertirci.

Che dire della sceneggiatura?

Prima scena: bimbi che giocano a mosca cieca. Seconda: Mirco al cinema col padre. Terza: Mirco con forbici e nastro che ripara una biglia. In 3 pennellate c’è tutta quella che sarà la sua vita: montatore del suono non vedente.

E’ una scrittura che trasuda dolcezza, tenerezza, sobrietà e amore per il proprio lavoro.

Rosso come il cielo

E soltanto una scrittura così può portare alla scena capolavoro della recita finale, una scena simbolo di tutto quello che abbiamo detto finora: l’esaltazione della creatività, il rifiuto delle regole, il valore dell’amicizia, il superamento dell’handicap, l’omaggio al Cinema.

E anch’io, come gli spettatori della recita, ho preferito “vederla” con gli occhi chiusi.

Per due motivi.

Apprezzarla di più.

Trattenere le lacrime.

Poi ho riaperto gli occhi e quello che trattenevo è uscito fuori.

E ridestandomi da quel magnifico buio, uscendone fuori, sono io quello ad essermi sentito “handicappato”.

 

Un autentico capolavoro italiano. Che oggi potete vedere comodamente anche su Netflix. Non ci sono più scuse.

 

Giuseppe Armellini

ilbuioinsala.blogspot.it

 

Capolavoro

9 Voto
9
More from Giuseppe Armellini

Rosso come il cielo – Capolavoro Italiano

Mirco Mencacci ha 10 anni e un amore per il Cinema grande...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *